Esercizi spirituali 4: la preghiera nella sofferenza

Un cammino di rivelazione e di conversione

1. La sofferenza come castigo per il peccato dei progenitori

Gen 3,16

Alla donna disse: «Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai figli.

Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ed egli ti dominerà».

17All’uomo disse: «Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato: «Non devi mangiarne», maledetto il suolo per causa tua!
Con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita.
18Spine e cardi produrrà per te
e mangerai l’erba dei campi.
19Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, finché non ritornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere ritornerai!».

Ma Dio aveva appena detto al serpente:

3,15Io porrò inimicizia fra te e la donna, fra la tua stirpe e la sua stirpe:

questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno».

2. La sofferenza per i peccati del popolo: padri e figli sono solidali nel peccato…

Dan 3,28-35

Con verità e giustizia tu ci hai inflitto tutto questo a causa dei nostri peccati,

29poiché noi abbiamo peccato, abbiamo agito da iniqui, allontanandoci da te, abbiamo mancato in ogni modo. Non abbiamo obbedito ai tuoi comandamenti,

30non li abbiamo osservati, non abbiamo fatto quanto ci avevi ordinato per il nostro bene.

31Ora, quanto hai fatto ricadere su di noi, tutto ciò che ci hai fatto, l’hai fatto con retto giudizio:

32ci hai dato in potere dei nostri nemici, ingiusti, i peggiori fra gli empi, e di un re iniquo, il più malvagio su tutta la terra.

33Ora non osiamo aprire la bocca: disonore e disprezzo sono toccati a quelli che ti servono,

a quelli che ti adorano.

34Non ci abbandonare fino in fondo, per amore del tuo nome, non infrangere la tua alleanza;

35non ritirare da noi la tua misericordia, per amore di Abramo, tuo amico, di Isacco, tuo servo, di Israele, tuo santo…

3. Lo scandalo della sofferenza del giusto e la fiducia nel Signore che rimane fedele

Salmo 41: Preghiera di un malato, abbandonato da tutti

2 Beato l’uomo che ha cura del debole:
nel giorno della sventura il Signore lo libera.

3 Il Signore veglierà su di lui,
lo farà vivere beato sulla terra,
non lo abbandonerà in preda ai nemici.

4 Il Signore lo sosterrà sul letto del dolore;
tu lo assisti quando giace ammalato.

5 Io ho detto: «Pietà di me, Signore,
guariscimi: contro di te ho peccato».

6 I miei nemici mi augurano il male:
»Quando morirà e perirà il suo nome?».

7 Chi viene a visitarmi dice il falso,
il suo cuore cova cattiveria
e, uscito fuori, sparla.

8 Tutti insieme, quelli che mi odiano
contro di me tramano malefìci,
hanno per me pensieri maligni:

9 »Lo ha colpito una malattia infernale;
dal letto dove è steso non potrà più rialzarsi».

10 Anche l’amico in cui confidavo,
che con me divideva il pane,
contro di me alza il suo piede.

11 Ma tu, Signore, abbi pietà, rialzami,
che io li possa ripagare.

12 Da questo saprò che tu mi vuoi bene:
se non trionfa su di me il mio nemico.

13 Per la mia integrità tu mi sostieni
e mi fai stare alla tua presenza per sempre.

14 Sia benedetto il Signore, Dio d’Israele,
da sempre e per sempre. Amen, amen.

Salmo 88: Preghiera a Dio dal profondo dell’angoscia

2 Signore, Dio della mia salvezza,
davanti a te grido giorno e notte.

3 Giunga fino a te la mia preghiera,
tendi l’orecchio alla mia supplica.

4 Io sono sazio di sventure,
la mia vita è sull’orlo degli inferi.

5 Sono annoverato fra quelli che scendono nella fossa,
sono come un uomo ormai senza forze.

6 Sono libero, ma tra i morti,
come gli uccisi stesi nel sepolcro,
dei quali non conservi più il ricordo,
recisi dalla tua mano.

7 Mi hai gettato nella fossa più profonda,
negli abissi tenebrosi.

8 Pesa su di me il tuo furore
e mi opprimi con tutti i tuoi flutti.

9 Hai allontanato da me i miei compagni,
mi hai reso per loro un orrore.
Sono prigioniero senza scampo,

10 si consumano i miei occhi nel patire.
Tutto il giorno ti chiamo, Signore,
verso di te protendo le mie mani.

11 Compi forse prodigi per i morti?
O si alzano le ombre a darti lode?

12 Si narra forse la tua bontà nel sepolcro,
la tua fedeltà nel regno della morte?

13 Si conoscono forse nelle tenebre i tuoi prodigi,
la tua giustizia nella terra dell’oblio?

14 Ma io, Signore, a te grido aiuto
e al mattino viene incontro a te la mia preghiera.

15 Perché, Signore, mi respingi?
Perché mi nascondi il tuo volto?

16 Sin dall’infanzia sono povero e vicino alla morte,
sfinito sotto il peso dei tuoi terrori.

17 Sopra di me è passata la tua collera,
i tuoi spaventi mi hanno annientato,

18 mi circondano come acqua tutto il giorno,
tutti insieme mi avvolgono.

19 Hai allontanato da me amici e conoscenti,
mi fanno compagnia soltanto le tenebre.

4. Un annuncio misterioso: un Servo che si fa carico delle sofferenze e dei peccati

Is 53,3-5

3Disprezzato e reietto dagli uomini,

uomo dei dolori che ben conosce il patire,

come uno davanti al quale ci si copre la faccia;

era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima.

4Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze,

si è addossato i nostri dolori;

e noi lo giudicavamo castigato,

percosso da Dio e umiliato.

5Egli è stato trafitto per le nostre colpe,

schiacciato per le nostre iniquità.

Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui;

per le sue piaghe noi siamo stati guariti.

5. Il culmine delle rivelazione è lo scandalo di Gesù crocifisso e risorto: il Figlio di Dio che con lucida consapevolezza ‘deve’ andare a Gerusalemme a dare la vita in riscatto per molti.

Mc 8,31-33

31E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. 32Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. 33Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».

Mc 10,45

45Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Mt 26,36-45

36Allora Gesù andò con loro in un podere, chiamato Getsèmani, e disse ai discepoli: «Sedetevi qui, mentre io vado là a pregare». 37E, presi con sé Pietro e i due figli di Zebedeo, cominciò a provare tristezza e angoscia. 38E disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte; restate qui e vegliate con me». 39Andò un poco più avanti, cadde faccia a terra e pregava, dicendo: «Padre mio, se è possibile, passi via da me questo calice! Però non come voglio io, ma come vuoi tu!». 40Poi venne dai discepoli e li trovò addormentati. E disse a Pietro: «Così, non siete stati capaci di vegliare con me una sola ora?41Vegliate e pregate, per non entrare in tentazione. Lo spirito è pronto, ma la carne è debole». 42Si allontanò una seconda volta e pregò dicendo: «Padre mio, se questo calice non può passare via senza che io lo beva, si compia la tua volontà». 43Poi venne e li trovò di nuovo addormentati, perché i loro occhi si erano fatti pesanti. 44Li lasciò, si allontanò di nuovo e pregò per la terza volta, ripetendo le stesse parole.

Mt 27,45-46

45A mezzogiorno si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. 46Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: «Elì, Elì, lemà sabactàni?», che significa: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?».

Lc 23,33

33Quando giunsero sul luogo chiamato Cranio, vi crocifissero lui e i malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. 34Gesù diceva: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno».

Eb 5,7-10

7Nei giorni della sua vita terrena egli offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito. 8Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì 9e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono, 10essendo stato proclamato da Dio sommo sacerdote secondo l’ordine di Melchìsedek.

6. La vita nello Spirito è partecipazione alla preghiera di Gesù, cioè al suo amore che resiste anche nella sofferenza ed è fiducioso nella vittoria della vita/amore eterna

Rm 5,1-5

1 Giustificati dunque per fede, noi siamo in pace con Dio per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo. 2Per mezzo di lui abbiamo anche, mediante la fede, l’accesso a questa grazia nella quale ci troviamo e ci vantiamo, saldi nella speranza della gloria di Dio. 3E non solo: ci vantiamo anche nelle tribolazioni, sapendo che la tribolazione produce pazienza, 4la pazienza una virtù provata e la virtù provata la speranza. 5La speranza poi non delude, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.

2Cor 4,7-10

7Noi però abbiamo questo tesoro in vasi di creta, affinché appaia che questa straordinaria potenza appartiene a Dio, e non viene da noi. 8In tutto, infatti, siamo tribolati, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati; 9perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi, 10portando sempre e dovunque nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo.

Col 1,24

24Ora io sono lieto nelle sofferenze che sopporto per voi e do compimento a ciò che, dei patimenti di Cristo, manca nella mia carne, a favore del suo corpo che è la Chiesa.